04/03/16

[VOGLIO ESSERE PIU' CATTIVO] 3 MOTIVI PER ESSERE CATTIVI ORA ANCHE SE NON LO HAI MAI FATTO

Sì, uso foto di belle ragazze per attirarti qui.
Sono proprio cattivo...

DISCLAIMER

il seguente articolo, nonché la serie ad esso collegato, "VOGLIO ESSERE PIU' CATTIVO", è scritto puramente a scopo di intrattenimento. Non mi assumo minimamente la responsabilità dell'uso altrui che ne verrà fatto. Questo perché scrivo per il piacere di farci due risate insieme e non per istigare gli altri a fare stupidaggini.

Quello che stai per leggere un articolo insolito nel suo genere, credo che mai sia stato fatto prima d'ora.

In caso lo avessero già fatto e lo sai avvertimi pure perché voglio essere originale in quello che scrivo (leggasi 'voglio copiare e spacciare per mio il lavoro altrui come fanno molti registi')

Leggerai di com'è molto bello, meraviglio, magico e fatato essere un cattivo a tutti gli effetti e di come nuove porte ti verranno aperte nella tua vita che prima non pensavi minimamente ci fossero.

Scoprirai perché ci vogliono tutti più buoni e docili e del perché veniamo condannati se facciamo i cattivi.

Continua a leggere, scoprirai un'altro modo di vedere il mondo.


I cattivi hanno molta più libertà d'azione

1° - I CATTIVI HANNO PIU' LIBERTA' D'AZIONE


Questo è il principale motivo per cui è conveniente essere cattivo!

I buoni hanno regole ben precise da seguire. oltrepassate quelle regole non sono più buoni, diventano anch'essi cattivi e quindi da combattere.

Il cattivo invece non ha regole, quindi può andare e fare come meglio crede ogni cosa che gli viene in mente. Dal fregare le caramelle ai bambini a fare suonare tutti i citofoni in un palazzo.

Il buono, in genere, deve seguire regole morali per cui deve a tutti i costi sottostare per essere considerato tale. Quindi se non gli piace andare al pranzo domenicale dai suoi parenti dovrà andarci comunque per il bene comune.

Il cattivo nelle stesse condizioni invece non ci andrebbe. Anzi direbbe schiettamente che il pranzo domenicale coi parenti è un'enorme rottura di scatole perché ha di meglio da fare che raccontare i fatti suoi a persone pronte a giudicarlo perché non corrisponde alle loro aspettative.

Un po' come l'uovo con la gallina.
Nasce prima il cattivo

2° - NASCE PRIMA IL CATTIVO E POI L'EROE


Sembra una stupidaggine, in realtà è la pura verità. Occorre un cattivo per far nascere un eroe, vero o presunto tale.

Non avremmo superman, spiderman, batman e altre checche isteriche che si vestono in calzamaglia o costumi strani perché si vergognano di mostrare la loro faccia o semplicemente non voglio essere riconosciuti altrimenti tutti gli chiederebbero favori.

In questo, credo sarai d'accordo con me, sono dei gran fifoni (fatta eccezione di Iron Man lo sborone).

E' il cattivo, con la sua cattiveria innata di pensare a se stesso più che agli altri, a far scaturire la necessità di un eroe.

In un certo senso è lui stesso un eroe perché spinge gli altri a reagire dal loro torpore caldo dove si sono rintanati dicendo che va tutto bene.

Per il cattivo chi viene prima?
Se stesso

3° - IL CATTIVO PENSA PRIMA A STARE BENE CON SE STESSO


Questo è un pilastro fondamentale dell'essere cattivi: pensare a se stessi.

Il vero cattivo è colui il quale compie azioni per il proprio tornaconto personale, che sia prestigio, soldi o soddisfazione propria.

Vuoi essere cattivo? Pensa per te stesso prima di tutto.

Questo vuol dire che tu prima pensi a stare bene e ad avere quello che desideri e vuoi. Poi nell'eventualità che ti viene un lampo di bontà (attenzione che non diventi un'abitudine mi raccomando altrimenti i buoni se ne approfittano) penserai agli altri dopo aver soddisfatto te stesso.

E' importante per il cattivo prendersi cura della propria persona, del proprio portafoglio, dei propri desideri e della considerazione che ha di se stesso.

Ammettilo, quanto ricordi dell'articolo?

CONCLUSIONE


Congratulazioni per aver letto fin qui! Hai appena fatto un passo avanti nel meraviglioso e magico mondo dei cattivi. Credimi, sarai soddisfatto del percorso che stai per intraprendere.

Questi tre motivazioni che hai letto, libertà d'azione, essere gli iniziatori e pensare a se stessi, sono dei punti cardini per la tua nuova carriera in questo settore in costante crescita.

Si perché, ti parlo chiaro, questo settore dell'essere cattivi non conosce mai crisi!

Anzi, in tempo di crisi si fanno ancora più affari, c'è maggiore possibilità di crescita e sopratutto migliori possibilità di sbarazzarsi della concorrenza: sono troppo impegnati a fare bella figura aiutando gli altri.

Detto questo ti do' ancora il benvenuto e non vedo l'ora di sapere quali grandiosi malefatte hai fatto in giro.

Ciao!

P.s. Me ne stavo per scordare. Hai fatto qualche malefatta e l'hai fatta franca? Scrivilo tra i commenti e condividilo insieme ad altri cattivi e aspiranti tali, ora!